sabato 4 agosto 2007

La mia donna


Con l'intensità della mia passione, desidero il tuo abbraccio.

Con l'aumento della mia estasi, io penso a te.

Ti confesso che già il pensiero di starti vicino e della sacra attrazione che proveremo, mi incanta. Caro splendore, sorriso così luminoso, il mio volto è ansioso e la mia espressione preoccupata, perchè il giorno
dopo domani, verrà e se ne andrà, e si lascerà dietro memorie sbiadite, gustate solo per un attimo.

Ed è durante il crepuscolo della notte, che ti penso.

La tua melodia suonerà per sempre nella mia mente.

Il mio sguardo ti brucia, con un sorriso nascosto, un sorriso che accende un fuoco, un fuoco, che pensavo
spento da tempo. La tremula onda dei tuoi capelli, squisitamente acconciati, ha fatto nascere in me il desiderio di toccare. Si...queste pareti e questo momento mi impediscono di esprimermi fisicamente. E si! Il tuo fascino ha messo considerevolmente alla prova il mio senso di auto controllo.

Grazie.
Scrivetemi:
Paul Lara V76259
350-1-55y Po box 9
Avenal, CA 93204
USA

1 commento:

elisa ha detto...

la scelta della foto è ottima, la poesia bellissima.