venerdì 29 febbraio 2008

Cuore di madre


Tutta la mia vita hai provato ad aiutare.
Hai cercato di puntarmi verso la strada.
Sono stato troppo compiaciuto per beneficiare
di tutte le cose che dici.
Mi dispiace così tanto di non aver voluto ascoltare.
Pensavo d'essere così furbo.
Adesso lo so di essere stato uno sciocco
che ha fatto piangere il cuore di sua madre.
Per ogni lacrima che hai pianto per me.
Per le angosce che hai sopravvissuto.
Vivrò in vergogna fino al giornoin cui ti ripagherò.
Ogni parola che tu hai mai detto,
col tuo amore e la tua saggezza,
risuona adesso nella mia testa
mentre sto qua in prigione.
Tu non mi hai mai voltato le spalle
qualunque cosa io abbia fatto.
Adesso lo so quanto sono benedetto
perchè Dio mi ha fatto figlio tuo.
So che tu hai fatto tutto questo per amore.
Non è stato un capriccio.
Perchè Dio mi ricorda, tutte queste cose
che ho detto anche a Lui.

giovedì 28 febbraio 2008

Furori trattenuti


Questa è una storia
che vorrei raccontare
di come è successo,
che sono finito all'inferno.

La vita era appena iniziata
ma, finì altrettanto in fretta
era una vita che valeva
con tutto quel che valeva
con tutto quel conflitto mentale?
Oh, la libertà
mai arrivata
il ladro di anime bloccato
era lui il bersaglio.

Altre morti
iniziaronoin questo gioco
nessuno ha vinto.

Ciò che è stato preso
non può essere restituito,
con la lama di un coltello
od il prendere una vita.

Paura
confusione, e dubbio
non se ne andarono
con ciò che ho fatto, quel giorno.

La rabbia prende il controllo
dirigendomo stranamente
non subito
ma, molto lentamente.

Paura e vergogna
hanno controllato la rabbia
chiedendo qualcosa in cambio
per non causare un disastro.

E' saltato fuori lentamente
poco per volta
prima droghe, poi alcool,
e sudiciume sessuale.

Niente ha riempito lo spazio
niente lo ha restituito
niente ha cancellato le memorie
dell'anima rubata.

Uccidere quel mostro non ha aiutato
a liberare il furore
distrutto così tante vite
con una tomba ed una gabbia.

Non ha reso niente
anzi ha preso di più
madri hanno pianto
e così tanti son morti.

Adesso che sta finendo
è più sotto controllo
esposizione significa slegare
il rilascio dei furori trattenuti.
Scrivetemi:
Norman Wayne Whillote C29683
310-2-61L Po Box 9
Avenal, CA 93204
USA

Amici eterni


Perchè non lasci che ti introduca
al mio Amico più prezioso?
Lui conosce i tuoi retroscena
e come la tua vita andrà a finire.
Lui sa che cosa ti rende felice
e tutto ciò che ti intristisce.
Lui vuole riempire il cuore di gioia.
Più di quanta tu ne abbia mai avuta.
Prima che Lui diventasse mio Amico
io ero un suo nemico.
Ma ciò non poteva tenerlo lontano
perchè lui mi amava comunque.
Lui sa che adesso tu non gli credi.
Lui spera che tu vedraidi fronte ai tuoi occhi l'evidenza
delle cose che Lui ha cambiato in me.
Lui bussa alle porte del tuo cuore.
Lui prega, che tu lo lasci entrare.
Lui sa che quando l'aprirà,
la tua nuova vita potrà cominciare.
Tu non troverai mai un'altro amico
che ti ami così, oh sinceramente.
Prima del giorno in cui sei nato
il mio amico è morto per te.

Fare la differenza


A sedere;
con un tavolo di prigionieri.
alcuni solamente le loro anime
altri tutti se stessi.
tutti a cercare disperatamente
di fare la differenza.
Riuniti insieme;
tutti qui con diverse condanne
alcuni senza avere neppure commesso i propri crimini
sono tutti umani
con pensieri e paure
tutti hanno cuori
che hanno pianto molte lacrime.
Trovare libertà;
accedere alla rete
dalle mura della prigione.
L'abilità di scrivere e dipingere
su mura virtuali.
Libertà dello spirito. Rilascio della mente.
Queste sono le cose che si perdono scontando pene.
Aver bisogno di fare la differenza non finisce
col commettere un crimine.
Avere una voce è una scoperta meravigliosa.


Scrivetemi:

Norman Wayne Whillote C29683
310-2-61L Po Box 9
Avenal, CA 93204
USA

mercoledì 27 febbraio 2008

martedì 12 febbraio 2008

Questi momenti


Secondi che significano così tanto,
minuti contati come un tocco,
questi momenti spesi insieme.

Aspettando sembra quasi per anni,
ascoltando una voce rotta,
guardando una traccia di lacrime.

Dubbi creati dai kilometri,
una voce distante e silenziosa,
fiducia che ritorna con un sorriso.

Fede è la chiave,
per questo legame che vediamo
tra lui e lei.



Scrivetemi:


Norman Wayne Whillote C29683
310-2-61L Po Box 9
Avenal, CA 93204
USA

Crimini contro lo stato


Un uomo vissuto qualche hanno fa
in terre grandi e lontane
fù mandato in prigione da giovane
con catene ai suoi polsi.
Lo condannarono a vita quel giorno
per crimini contro lo stato.
Lui trovò la forza di ringraziare Dio.
Accettando il destino.
Il duro lavoro è adesso uno stile di vita
nella pioggia od il caldo o la neve.
Eppure ogni giorno lui chiese al Signore
di aiutare il suo spirito a crescere.
Il pane ed acqua che ricevevano
era duro e secco e freddo.
Ma l'aspettavano con entusiasmo
e poi grattavano via la muffa.
Così tanti uomini morivano ogni giorno.
Ma nessuno lo notava.
A parte quelli che scavavano le tombe.
Dieci uomini per ogni fossa.
A malati ed uomini affamati ed in pena,
lui rispose ad ogni domanda.
Quasi morì lui stesso perchè
dava sempre tutto il suo.
Ma non ha mai imparato la sua lezione.
Il suo crimine non si è mai fermato.
Il crimine per cui era stato imprigionato
era l'essere un prete.
Penso a questo e mi sento imbarazzato.
Mi fà amare Dio ancora di più.
Perchè lui ha pensato giusto mettermi qua.
Io ho molto di cui ringraziarlo.

Innocenti perduti


Che cosa ho fatto?
Sono stato cattivo?
Mi vergogno così tanto,
e ciò nonostante, sono arrabbiato.
Mentre voglio il tuo amore,
ed al tempo stesso ti odio,
dopo tutti questi anni,
ho ancora paura di parlare.

Che cosa mi hai preso,
che ho bisogno così tanto di riavere?
La mia vita è distrutta,
prima da te, poi da me.
Mentre voglio distruggerti,
mentre voglio essere libero.

Oh, pensavo che fosse tutto a posto,
poi un giorno andò tutto male.
Le cose fatte,non erano le migliori.
Sopravvivere ciò che hai fatto,
mettere alla prova la vita.

Adesso che è finita,
perchè sono rinchiuso in gabbia.
Mi dispiace per te,
per come ti sei comportato.
Io capisco alcune delle ragioni,
per ciò che è stato fatto.
Non è iniziata con te,
ma la vita ha interrotto questa corsa.

La mia rabbia prese il controllo,
ed ora se n'è andata.
Sebbene, la confusione sia sempre lì,
ecco cos'è andato male.



Scrivetemi:


Norman Wayne Whillote C29683
310-2-61L Po Box 9
Avenal, CA 93204
USA

lunedì 11 febbraio 2008

Disegni di Chopper personalizzati



Possedere e guidare un Chopper personalizzato è diventato un eccitante stile di vita per molti negli USA, "monta in sella"!

Qualche altro disegno di Jhonny Marino.Jhonny sta anche cercando di aprire un suo sito web a http://www.sports-zoo.com/ ma per il momento potrete vedere le sue creazioniqui su Avenal Voice.Se volete che Jhonny vi disegni qualcosa di speciale, per favore scrivetegli descrivendo con le vostre parole cosa volete...




Scrivetemi:


Jonathan Marino J84807
310-2-27L Po Box 9
Avenal, CA 93204
USA






mercoledì 6 febbraio 2008

Parla con me


L'uomo triste siede vicino al telefono.
Senza i suoi figli si sente solo.
Loro sono cresciuti e sono occupati con le loro vite,
una casa, un figlio, una macchina, una moglie.
Lui lascia un messaggio, a volte due.
Vorrei davvero parlare con te.
Giorno dopo giorno, il telefono suona.
Poi quando lo fa, vogliono qualcosa.
Grazie per i soldi, ma non posso restare.
Perchè ho grossi piani oggi.
Allora in ginocchio, lui comincia a pregare.
Caro Dio, oggi ho bisogno del tuo aiuto.
Amo i miei ragazzi disperatamente.
Ma non hanno tempo per parlare con me.
Io gli ho dato tutto quello che ho potuto.
Gli ho dato amore. La loro vita è stata buona.
Ma adesso sono impegnati da soli.
Dimenticando tutto l'amore che gli ho mostrato.


"Tu mi preghi, incolpando i tuoi ragazzi.
Eppure sei altrettanto colpevole.
So benissimo come ti senti adesso.
E' come mi sento io quando tu non mi preghi.
Ho riempito le loro vite così che tu fossi libero.
E tu avessi tempo per parlare con me."

martedì 5 febbraio 2008

Ehilà, sono quà!


Parlo, ma non sono mai ascoltato,
urlare ti fà voltare la testa.
Tu perdi così tante parole,
io starei meglio morto.

Tu vedi la tua illusione,
di un ragazzo bambino.
Lui è ordinato, lui è pulito,
intelligiente e delicato.

Non un giovane uomo in difficoltà,
che ha bisogno e vuole comprensione.
Non un giovane uomo in difficoltà,
con queste emozioni che si rilassano.

Ti dico la mia sofferenza,
tu neghi che sia vera.
Mi fai impazzire,
quando mi dici come sentirmi.

Non sono lui,
non sono lei.
Io ho una personalità,
che è tutta da sola.

Le mie lacrime non ti smuovono,
mentre mi dici che ti importa.
Sempre a provare a venire da te,
ma tu non ci sei mai.

E' arrivato il giorno,
non sono più là.
Le tue lacrime non mi smuovono,
perchè, sono stanco d'urlare,
"Ehilà, sono qua!"


Scrivetemi:

Norman Wayne Whillote C29683
310-2-61L Po Box 9
Avenal, CA 93204
USA

Stanzetta, Puzzetta


Vig.1_Benvenuti nella stanza di meditazione
o Think Tank di "Avenal"!
E' qui che mi vengono la maggior parte delle mie idee!
Io la chiamo "Stanzetta, Puzzetta"!
Bella privacy...

Vig.2_Hey, esci di là dentro,
Avanti un altro!!

A causa del sovraffollamento cronico, un'edificio tipo
della prigione di Avenal offre 14 tazze per poco meno
di 400 detenuti.
Le tazze sono disposte a gruppi di 3 oppure 4,
a pochi centrimetri l'una dall'altra in ambienti aperti
ed i prigionieri, per recuperare un minimo di privacy,
appoggiano bidoni della spazzatura su alcune di esse
(un separè improvvisato); questo,
in aggiunta ai frequenti guasti dovuti al continuo uso,
riduce il numero di tazze disponibili ad una media di 6 o 7...
Una ogni 50 persone!!!


Scrivetemi:

Israel Gowan T60283
310-1-43L PO BOX 9
Avenal, CA 93204
USA

lunedì 4 febbraio 2008

I fiori di mio papà


Di recente mio papà se n'è andato e non ho potuto
vederlo prima che morisse.
Sono riuscito a parlare con lui al telefono per 15 minuti;
perchè è tutto quello che è concesso:
vedete, io sono un prigioniero.
La mia vita adesso è dietro muri e catene e recinzioni affilate.
Mio papà era il mio eroe. Era un uomo grosso,
cattivo da morire ma al tempo stesso una delle sue favorite
cose da fare era il giardinaggio.
Si, fiori, alberi e qualunque cosa possiate immaginare,
mio papà la faceva crescere.
Quel che cerco di esprimere è il mio amore per il mio
papà e per la mia famiglia.
Sono qua e mio "babbo" se ne è andato ma rimane
per sempre nel mio cuore.
Vorrei condividere una foto che mia mamma mi ha mandato:
alcune delle ultime cose che mio padre ha fatto crescere.
Papà, ci manchi, ma ti pensiamo ogni giorno.


Scrivetemi:

Israel Gowan T60283
310-1-43L PO BOX 9
Avenal, CA 93204
USA